COME TROVARE E IDEARE CONTENUTI DA PUBBLICARE?

Tutto si riduce a conoscere il tuoi clienti ideali. Se si dispone di una solida conoscenza dei loro stili di vita, desideri e punti di debolezza, diventerà molto più facile creare o trovare contenuti pertinenti che vorrebbero leggere e condividere.

Oltre a questo, iniziare a seguire influencers del settore che creano contenuti eccezionali e di valore può essere un’altra valida soluzione. È anche possibile cercare hashtags rilevanti e controllare quali sono i trends su Twitter e Instagram per capire di che cosa la gente sta parlando in uno specifico momento, quindi poi partecipare a quelle conversazioni.

La generazione di idee è la parte più difficile, bisogna fare in modo che sia il pubblico a farlo per te. Parla con i tuoi seguaci e clienti ideali e chiedi loro che cosa vorrebbero vedere. Si può anche chiedere ai dipendenti di contribuire ad esempio con un post sul blog al mese. Quando si spartisce il lavoro, diventa tutto meno stressante e più riflessivo.

4- OGNI QUANTO DEVO PUBBLICARE SUI SOCIAL?

Dipende…

La frequenza della pubblicazione di contenuti dipende dalle risorse e dal pubblico. Il tuo obiettivo è quello di ottenere contenuti di qualità che il pubblico amerà il più possibile.

Se questo significasse scrivere sul blog solo una volta alla settimana, allora va bene. Se questo significasse che è possibile postare su Facebook solo tre volte a settimana, ma sono tre veri buoni posti che ottengono un sacco di egangement e successo, allora va bene.

Ricorda inoltre che puoi sempre riutilizzare i tuoi contenuti. Vecchi post sul blog possono essere “retweeted” con nuova formulazione e immagine. E’ possibile impostare una strategia in cui ogni post del blog viene condiviso in ogni social il primo giorno, una ripubblicazione su Twitter ogni tre giorni, una ripetizione su Facebook ogni otto e così via.

Condividere lo stesso contenuto su ogni social si può fare, ma dovrebbe essere formulato in modo diverso. Ad esempio, LinkedIn non usa hashtag quindi non ha senso copiare e incollare qualcosa da Twitter. Un’infografica potrebbe funzionare meglio su Pinterest che su Facebook. Dovrai tenere traccia di che tipo di contenuti e quale formato va meglio su ogni social e prendere i dati in considerazione al momento della pubblicazione di futuri post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.